Call Us (9924241667)

Forza Chiasso Liberale

17 marzo 2008 – Corriere del Ticino

Mi permetto inserirmi nel clima elettorale chiassese dopo aver letto qualche contributo che più che giornalistico mi pare di sponsorizzazione di tale o tal altro candidato al Municipio, rispettivamente alla sedia di Sindaco.

Orbene, comprendo che la stampa necessiti giornalmente di notizie o di “carne” da spolpare, e in questo caso pare che il piatto forte preveda il PLR e i suoi contorni, ma credo di ricordare che a Chiasso vi sia stato un sondaggio in seguito al quale è stato allestito un programma di legislatura approvato e condiviso oltre che dalla base anche da tutti i candidati all’esecutivo e al legislativo del PLR locale. Di ciò la stampa ne ha dato risalto. In tale programma sono contenuti gli obiettivi e le visioni strategiche dei liberali radicali di Chiasso. Non spetta a me svilupparli o illustrarli in questa sede.

Certo si potrebbe obiettare che i programmi si fanno (vi sono forze politiche che, abituate a navigare a vista, nemmeno li scrivono) e poi si mettono in un cassetto, ma non credo che tale sia il bilancio che si possa trarre dall’attività del PLR di Chiasso per gli anni passati e quindi non vi sono fondati motivi per ritenere che il futuro sarà diverso a meno che si voglia continuare col pettegolezzo e il basso profilo da cacciatori di tartufi nel sottobosco.

Detto programma si inserisce nel solco della continuità e quindi non vedo perché si debba insinuare che a Chiasso vi sarà di colpo un cambio di rotta a favore della Lega o dei Socialisti. Le accuse di filoleghismo di alcuni candidati liberali radicali al Municipio possono trovare magari conforto in chi lo vuole dare ad intendere o a chi fa comodo elettoralmente pescare anche in quel bacino benché si sia potuto constatare che, a Chiasso, la Lega non abbia fatto altro che puntare all’immobilismo, al respingimento di progetti di rilancio e a dare di Chiasso un immagine litigiosa, insicura invece di valorizzare quanto di positivo è stato fatto grazie ai liberali (leggasi a titolo d’esempio il risanamento finanziario). Governare è l’arte del fare, del realizzare progetti e condurre – nel senso etimologico di “accompagnare” – i cittadini, grandi e in erba, verso un futuro migliore. Governare non è attaccare le persone e le istituzioni.

La rottura di equilibri politici non è sempre foriera di miglioramenti e credo che la storia degli ultimi 15/20 anni di questo Cantone lo dimostri.

I candidati PLR sapranno, visto che manca ancora un mese abbondante alle elezioni, sviluppare i temi e gli obiettivi contenuti nel già chiaro programma di legislatura a cui si debbono attenere. Ve ne fosse qualcuno che non lo farà, spetta all’elettore trarre le debite conclusioni verso quest’ultimo, ma non verso il partito. A mio modo di vedere vi sono, tra i candidati e le candidate PLR di Chiasso, persone che, seppur “nuove” hanno dato già ampia prova, anche di recente, di credere nel e impegnarsi per il liberalismo, avversando soluzioni populiste. Queste persone, che rispettano le decisioni democratiche, anche all’interno delle istituzioni partitiche, andranno premiate. Non ci si lasci condizionare.

Forza Chiasso liberale!

Post Tagged with